Arte e vele al London Boat Show 2013

di Giulia Ferri Commenta

Delle volte il mare sembra una tavola e le vele di una barca una tavolozza.  Alla regata CNM Estates Fine Art Sails che si è tenuta in concomitanza del London Boat Show 2013 una flotta di opere d’arte galleggianti hanno tenuto “mostra” lungo il Tamigi, una vera e propria galleria d’arte contemporanea.

» Guilty yacht, l’opera d’arte galleggiante di Jeff Koons

10 barche a vela per altrettanti temi nelle meravigliose vele che hanno dato sfogo alla fantasia di artisti moderni e comunicativi con gabbiani, figure infantili, optical e disegni geometrici. E a regatare a bordo delle imbarcazioni i velisti britannici protagonisti delle Olimpiadi di Londra 2012.

Queste secondo noi le tre vele più belle,  trovate le altre clip art in gallery.

Ben Flynn, in arte EINE, ha raggiunto la fama internazionale quando David Cameron ha presentato una sua opera al Presidente Obama come un dono per la sua prima visita ufficiale di Stato, ma è forse più famoso per ‘Alphabet Street’ – i celebri murales di Middlesex Street. EINE è uno degli artisti di strada di Londra più prolifici e originali specializzato nell’elemento centrale di tutti i suoi graffiti: la forma delle lettere. dopo anni vissuti da “vandalo” in cerca di una propria identità, EINE oggi con le sue lettere colorate ha trasformato le strade in tutto il mondo, in città come Los Angeles, San Francisco, Città del Messico, Miami, Parigi, Dublino, Tokyo, Stoccolma, così come la sua città natale Londra. E’ stato anche incluso nella più grande esposizione al mondo di arte di strada fino ad ora – “Art in the Streets” – presso il Museo d’Arte Contemporanea (MoCA) di Los Angeles.

Goldie è un artista che collabora assiduamente con i Massive Attack e Sarah Gregory, ma la sua carriera è costellata di progetti per Neneh Cherry, Noel Gallagher, Bjork, James Lavelle, Nellee Hooper, Ed Sheeran, The Sex Pistols, Snow Patrol, Pete Tong, Jason Statham per citarne solo alcuni a testimonianza della sua prolifica creatività.E’ tra i primi artisti a sperimentare l’arte di strada e alcuni suoi pezzi compaiono in uno storico ducufilm su Afrika Bambaataa.  Attualmente sta lavorando al suo nuovo lavoro artistico “Le tribù perdute”, presente alla prossima mostra personale a Londra per il 2013.

 

Wendy Taylor è stato uno dei primi artisti della sua generazione di a fare arte in mezzo alle strade a fuori dalle gallerie. Crede molto nella comunicazione immediata, le sue composizioni sono originali, ma mai fuori contesto o non inerenti alla commissione. Questo volo di uccelli sul mare ne è la riprova.

 

 

 

Photo | Fineartsails.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>