BTBoats vara Kiwi 40FC

di LupodiMare Commenta

Kiwi 40FC è un’imbarcazione che promette faville. Si tratta, infatti, di un vero fuoriclasse dei mari e porta la firma di grandi nomi come Lapo Ancillotti, creatore, nonché coordinatore del progetto e Francesco Piva di BTBoats, lo studio Farr Yacht Design e il Cantiere Cookson.

Kiwi 40FC è stato appena varato ad a Auckland ed è un class 40 rivoluzionario dalle prestazioni assolutamente eccezionali, nella buona e nella cattiva sorte… Persino in condizioni “oceaniche”.

L’imbarcazione è nata dopo 10 lunghi mesi di “gestazione”, un percorso fatto di speed test, prove in vasca e messe a punto in mare ad Auckland e Wellington, ma se questo è risultato, potremmo dire che ne è valsa la pena.

Ancillotti, Farr Yacht Design, e Cookson Boats sono senza dubbio un team “navigato” e di successo, infatti, nel corso degli ultimi due decenni, hanno già collaborato a numerosi progetti. Dunque, ancora una volta l’unione fa la forza ed ecco Kiwi 40FC, una barca altamente competitiva con un buon rapporto qualità/prezzo.

I costi contenuti, infatti, oltre che la grande stabilità, sono le caratteristiche che hanno reso questo genere di imbarcazione così famosa e apprezzata, anche al di là dell’uso regatistico oceanico.

Kiwi 40FC, è stato realizzato con la tecnica dell’infusione, un metodo che permette non solo di ridurre i tempi di produzione, ma anche di realizzare barche più leggere e allo stesso tempo più resistenti. Lo scafo sfrutta tutta la larghezza consentita dalla classe e, a detta di Patrick Shaughnessy, presidente della Farr Yacht Design, sarà molto potente grazie allo spigolo della carena.

Kiwi 40FC è la summa di una serie di studi integrati con l’esperienza dello studio Farr sugli Open 60 e i VoR 70. Non a caso, infatti, per il piano di coperta si sono ispirati ad un progetto già realizzato in precedenza, l’Open 60 Virbac Paprec, posizionando tutte le manovre a portata di mano, garantendo così regolazioni in tempi rapidi anche in condizioni di mare avverse.

Kiwi 40FC è destinata a diventare l’alternativa neozelandese ai class di impronta europea, un’imbarcazione pensata per le grandi prestazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>