Marina di Pisa, dopo tanto tempo si parte.

di LauMar Commenta

Boccadarno

Dopo tanto tempo e molte polemiche, la situazione di stallo è finalmente  arrivata al capolinea ed i lavori del nuovo Marina di Pisa sono iniziati alla presenza del Ministro Altero Matteoli e delle autorità locali.

Per la costruzione del nuovo porto si prevede un investimento di oltre 100 milioni di euro, con la realizzazione di oltre 475 posti barca entro la fine del 2014. Oltre ai posti barca il progetto prevede alcuni insediamenti residenziali e commerciali che certamente potranno rilanciare e riqualificare tutta la zona della bocca d’Arno, che da sempre soffre di scarse strutture sia ricreative che ricettive.

La società Boccadarno Porto di Pisa SpA, aveva comprato l’area su cui sorgerà il nuovo marina dalla Fiat sin dal lontano 2003, sperando di superare con facilità l’ostilità e l’ostracismo di molte lobbies che volevano mantenere lo status quo solo con la scusa della salvaguardia ecologia ed ambientale. 

La nuova struttura sarà realizzata su un’area di oltre 20 ettari di cui solo 50.000 mq saranno destinati ad uso residenziale e commerciale. La zona scelta è certamente una delle migliori dato che la riva sinistra dell’Arno è certamente oggi molto degradata e lasciata solo alla speculazione di pseudo cantieri e marine abusive sorte lungo tutto il fiume da oltre 30 anni.

Secondo la volontà degli amministratori locali e della società appaltatrice, il nuovo Marina di Pisa non sarà certamente una struttura esclusivamente privata, ma sarà invece il nuovo polo turistico integrato della città.

L’impatto economico sul territorio sarà certamente notevole e potrà creare anche nuove occasioni di lavoro per molti giovani, soprattutto in questo momento dove le prospettive economiche sono molto incerte.  Con la costruzione di questo nuovo porto,  la regione Toscana si pone come una delle prime per offerta di posti barca, superando di gran lunga le regioni attigue, che seppur partite anni prima, oggi sono rimaste al palo.

Conoscendo l’attuale situazione dei posti barca a Marina di Pisa sono convinto che questa nuova realizzazione potrà porre fine all’incertezza in cui vivono oggi i proprietari di barche che, per necessità, sono costretti ad attraccare su strutture poco sicure e sempre in balia delle piene del fiume.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>