Multi Function Dispaly, la rivoluzione è già qui!

di LauMar Commenta


Sino a qualche decennio fa il GPS era una rarità sulle barche da diporto, mentre oggi la sua diffusione ha raggiunto anche i diportisti che navigano su piccole imbarcazioni. I costi dei Chart –plotter o meglio GPS cartografici sono talmente alla portata di tutti che è quasi impossibile navigare senza l’ausilio di tali strumenti.

L’evoluzione dei GPS cartografici è arrivata con l’introduzione dei nuovi sistemi MDF – Multi Function Display –  che unisco le caratteriste dei GPS alla nuova tecnologia in 3D.

Le più importanti aziende di cartografia elettronica hanno messo sul mercato, quasi in contemporanea, questi nuovi multifunzione con specifiche tecniche veramente innovative.

Rispetto ai GPS tradizionali questi nuovi sistemi possono racchiudere tutte le funzioni in un solo strumento. Si può collegare ed utilizzare con un solo display: il radar, il pilota automatico, fishfinder, dati del motore, navigazione  ed  ovviamente il GPS, che però avrà una maggiore definizione grazie alla cartografica tridimensionale.

Ciò e possibile anche grazie ai nuovi protocolli di trasmissione dati, fortunatamente comuni e standardizzati tra le aziende, che consentono di interfacciare tutti i trasduttori degli strumenti di bordo collegandoli ad un solo strumento. Tale linguaggio si chiama Nimea, oggi più diffuso nella versione Nimea 2000.

Tutti i moderni multifunzione possono utilizzare tale sistema di interfaccia così che  sarà possibile gestire tutti i dati dal pozzetto della vostra barca senza mai dover scendere in quadrato per vedere lo schermo del radar o quello del GPS.

I nuovi MDF inoltre hanno dei processori e sotfware molto più potenti , da poter gestire un maggior numero di informazione grazie anche alle memorie espandibili che li rendono molto simili a dei Notebook.

Certamente il miglioramento della definizione della cartografia in unione alla facilità data dal touch screen, consentirà anche ai più  tradizionalisti di poter diventare degli ottimi utilizzatori, senza mai dimenticare però che tutta l’elettronica di bordo funziona con l’elettricità e se questa viene meno ci si trova in serie difficoltà, se non si è abituati ad utilizzare anche regolo, compasso e carte nautica come insegnano nelle migliori scuole veliche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>