Tassa di stazionamento diventa tassa di possesso grazie a Ucina

di LupodiMare Commenta

tassa stazionamento tassa possesso Ucina

Virata a fil di capello per il mondo della nautica, che alla fine è riuscita ad evitare il peggio. Il decreto liberalizzazioni, infatti, contiene importanti novità per i proprietari di imbarcazioni da diporto, in primis la tassa di stazionamento che diventa tassa di possesso, e la trasformazione dell’attule imposta giornaliera ad annuale.

La tassa di stazionamento, inoltre, sarà estesa a tutti i possessori italiani di imbarcazioni e navi, anche se con bandiera estera, e si potrà affittare occasionalmente il proprio mezzo pagando una tassa unica del 20%. Sono attese ulteriori semplificazioni come l’esclusione della tassazione sulle unità di proprietà degli stranieri, per i natanti e per le unità delle imprese di noleggio e locazione.

Come ha spiegato il senatore Enrico Musso, uno degli estensori dell’emendamento Grillo-Cotrufo contenente le istanze del settore nautico, e apporvato dalla Commissione del Senato Industria, Commercio e Turismo:

Il nuovo testo introduce norme molto attese nel settore perché semplificano le attività di noleggio e stoppano la fuga degli yacht dai nostri porti turistici verso quelli stranieri fiscalmente più convenienti. La liberalizzazione del noleggio occasionale non trasformerà l’unità privata in commerciale e questo potrà semplificare le attività economiche generando occupazione senza alcun onere per lo Stato. La trasformazione, senza costi per l’erario, dell’imposta di stazionamento farà sì che la nuova tassazione sia legata alla proprietà dell’unità da diporto e non al suo stazionamento in un porto italiano scongiurando, in questo modo, il rischio della fuga di italiani e soprattutto stranieri dai nostri porti turistici verso quelli dei paesi limitrofi.

Per Ucina, naturalmente, si tratta di una vera e propria iniezione di fiducia per l’intero comprato nautico. Il Governo, come si suol dire, si è passato una mano sulla coscienza, e sebbene il contesto economico non favorisca la ripresa del settore, questo complesso di interventi è un segno importante per tutto il mondo della nautica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>