Valencia 2010, la Coppa America sarà di nuovo spagnola

di Antonino Commenta

Americas_cup_AlinghiLe battaglie legali per la sede dell’America’s Cup per il 2010 sono finite. La decisione è inappellabile, e tra l’altro era ora visto che nell’ultimo periodo si era spostata l’attenzione più sui tribunali che sulla regata vera e propria. Il 15 dicembre l’Alta Corte dello Stato di New York ha deciso che il trofeo più ambito nel mondo della vela avrà come campo di regata le acque di Valencia,  respingendo il ricorso presentato dal la SNG – Società Nautica di Ginevra, il circolo che detiene il trofeo da due edizioni consecutive, in cui gareggia il team svizzero Alinghi di Ernesto Bertarelli.

La decisione è stata accettata non senza polimiche da parte del team svizzero, che commenta dicendo che per la prima volta dalla costituzione del Deed of Gift, il team detentore del trofeo sarà privato della decisione della scelta del luogo in cui disputare la regata. Questo il commento:

Ancora una volta la strategia di BMW Oracle volta a cercare la vittoria dell’America’s Cup nelle aule di giustizia invece che in mare, ha avuto successo. Per la prima volta nella storia dell’America’s Cup il Defender è stato privato del suo diritto fondamentale di selezionare la sede dell’evento. La Société Nautique de Genève rispetta questa decisione e Alinghi è impaziente di regatare per l’America’s Cup sull’ acqua a Valencia, in Spagna, nel Febbraio del 2010

La scelta di Alinghi era stata Ras El Kaymah, nel Golfo Persico in prima istanza, o anche una località della Gold Coast, nel Queensland in seconda, ma alla fine è stata considerato il suggerimento di BMW Oracle, per Valencia, per la seconda volta. Al momento i due team, che gareggeranno – lo ricordo – con due multiscafi completamente diversi – un trimarano per Oracle e un catamarano per Alinghi -,  devono ancora mettersi d’accordo sulle regole. Le tappe sarebbero tre al momento, ma potrebbero arrivare a 5 o 7, privilegiando la spettacolarità della competizione, che potrebbe essere forse più breve di quanto si pensi. Dopo tutte le polemiche, sarebbe da aspettarsi una competizione al fulmicotone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>