Beautiful riporta l’attenzione sugli yacht di lusso

di Alba D'Alberto Commenta

La celebre soap opera Beatiful ha riportato in questi giorni l’attenzione sugli yacht di lusso visto che nel dare l’anticipazione delle puntate americane, si scopre che un’imbarcazione di questo tipo si celebra un matrimonio importante.

yacht lusso Otam millennium 100

Gli yacht di lusso, oggi, sono un campionario di estetica, tecnologia ed ingegneria. Sono alberghi a cinque stelle galleggianti, dedicati soprattutto ai paperoni che possono permettersi questo genere di mezzi di trasporto.

Gli appassionati di nautica, che buttano anche un occhio alla televisione, avranno allora notato che nelle anticipazioni di Beautiful è presentato uno yacht super lusso. Al di là della storia delle puntate della soap opera più longeva della storia, arriviamo al dunque. Tutto si svolte a Montecarlo, patria della nautica di qualità.

Wyatt fa salire Hope su uno yacht di lusso, un meraviglioso capolavoro di tecnologia ed ingegneria della navigazione e gli chiede di sposarlo davanti ad uno splendido diamante. Sarà l’atmosfera marina, sarà la bellezza del diamante o quella della barca, ma Hope accetta e chiede al comandante dello yacht di procurarle un abito da sposa e in poche ore i due piccioncini diventano marito e moglie.

Probabilmente è perché siamo usciti fuori da poco dalla stagione estiva ma i porti tricolore sono stati investiti da un buon numero di yacht di lusso. Un’inchiesta pubblicata online ha messo in evidenza i 10 yacht più veloci del mondo. Il primo in assoluto è Millenium 140 ribattezzato The World is not Enough che è lungo 42 metri, è stato varato nel 2004 ed è l’unica imbarcazione che è riuscita a raggiungere i 70 nodi, merito dei due motori diesel e di due turbine a gas che erogano 20 mila cavalli vapore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>