Design nautico, vogliamo barche…non spremiagrumi!

di LauMar Commenta

Spremi agrumi diStarck
Molto spesso mi è capitato di criticare su questo blog, quei progettisti che invece di disegnare barche effettuano degli esercizi stilistici volti al raggiungimento di un design puro, per non dire estremo.

Nei secoli i grandi maestri d’ascia si tramandavano di padre in figlio la nobile arte di costruire scafi, per cui le innovazioni erano principalmente legate alla scoperta di un nuovo materiale da lavorare o di alcuni accessori a corredo del progetto, i cui canoni costruttivi per decenni sono quasi rimasti immutati.

Verso la fine degli anni novanta con l’introduzione massiccia di software di progettazione nautica, molti cantieri hanno iniziato a mettere in produzione anziché scafi, veri e proprio oggetti di design. Ora che l’innovazione sia figlia del proprio tempo è certamente vero e personalmente non disdegno certe marche dalle linee moderne, ma che tutto il sapere della progettazione e dell’arte nautica debba essere sacrificato sull’altare dello stile puro ad ogni costo, beh francamente è proprio un’assurdità.

Inoltre con l’avvento nelle proprietà dei cantieri dei grandi gruppi finanziari sono arrivate figure ed esperti di marketing i quali a furia di voler rinnovare il prodotto hanno estremizzato a tal punto che il vero valore aggiunto del loro prodotto era quello di assomigliare ad una barca, col paradosso che molti neo armatori compravano solo un brand ed un leasing e non un’imbarcazione.

Negli stend dei saloni era più facile sentir parlare di spred, piani di ammortamento, subentri , accolli ecc, piuttosto che di carena a V, deadrise di poppa e dislocamento. Al massimo era importante per un barca avere tre o quattro bagni.   

Nonostante tutto ciò sembrava che il mercato non avesse mai fine e molti cantieri si dichiaravano soddisfatti di aver venduto barche sino al 2012, per poi miseramente chiudere i battenti alla prima stretta finanziaria delle banche creditrici. Insomma noi appassionati di nautica e di barche per alcuni anni abbiamo temuto che gli scafi, a furia di essere rinnovati, assomigliassero sempre di più a dei “modernispremiagrumi, che possono essere ostentanti firamente nei salotti buoni, ma che certamente non servono per preparare delle ottime spremute d’arancia tarocco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>