Flop annunciato: Coppa America, World Series a Portsmouth

di Alba D'Alberto Commenta

Un evento annunciato su più canali che i comunicatori avevano intuito fosse un flop. Ecco a riguardo cosa scrivono l’Urban Post e poi anche la Gazzetta dello Sport. Naturalmente parliamo della Coppa America un tempo ritenuta una delle competizioni più prestigiose per i velisti. 

Continua la parabola discendente della Coppa America, un tempo la più prestigiosa e importante delle competizioni veliche che sembra far parlare più per le delusioni che per le grandi imprese. E’ accaduto anche a Portsmouth dove si è conclusa la prima tappa delle Louis Vuitton America’s Cup World Series, il circuito di regate propedeutico alla Coppa America vera e propria in programma nel 2017 alle isole Bermuda. L’evento inglese doveva essere l’inizio trionfale della 35a America’s Cup ideata e voluta da Russell Coutts (Ceo di Oracle) e invece è stato un flop.

Così inizia il suo resoconto La Gazzetta dello Sport cui fa eco anche l’Urban Post, confermando il declino della competizione in questione:

Doveva essere il primo evento di avvicinamento alla 35esima American’s Cup, quello del rilancio e dell’inizio della strada che porterà a Bermuda 2017, invece è stato una delusione assoluta, sia in termini di spettacolo velico che in termini di presenze e di audience sul web; la prima tappa del circuito delle World Series è stato un fiasco colossale e a rimanerne maggiormente delusi sono stati gli appassionati.

Il programma, già scarno di se, ha visto andare in scena soltanto 2 delle 4 regate previste; il pubblico è rimasto deluso e lo streaming sul web è andato ancora peggio. Le nuove regole introdotte nei mesi scorsi e la formula rivoluzionata dovevano dare lustro alla competizione ma pare che la stiano “affondando” sempre di più.

Dobbiamo già dire Amen?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>