Windsurf: specialità della vela

di Martina Commenta

Parlando di vela, tra derive e cabinati non si può non menzionare anche una delle specialità più divertenti di questo magnifico sport: il Windsurf. Esso, come suggerisce il nome stesso, nasce dal connubio tra la tavola da surf e il principio fondamentale di propulsione naturale di una barca: la vela.

Strutturalmente si tratta per l’appunto dell’innesto di un albero su di una tavola, dotata di deriva e pinne, mediante un giunto universale snodato che permette l’esecuzione di virate e strambate. Il particolare interessante sta nel boma a forma di ellisse che avvolge l’intera vela sostenuta dall’albero e che permette al windsurfer di reggersi e di fare le regolazioni necessarie per le andature.  La terminologia, come vedete, è totalmente ripresa da quella della vela.

Esistono diversi tipi di tavola e diverse specialità, esattamente come per il mondo delle derive e dei cabinati. Anche in questo caso abbiamo due diversi tipi di tavole equivalenti ai due diversi tipi di scafi per le barche:

  • Tavola dislocante o Longboards: in genere sono tavole lunghe e pesanti dotate di superfici veliche ridotte, adatte a coloro che vogliono iniziare questo sport. Solitamente sono dotate di una deriva mobile posizionata al centro dello scafo
  • Tavola planante o Funboards: in genere sono tavole corte e leggere, dotate di ampie superfici veliche e addirittura di trapezio. Richiedono una maggiore esperienza.
Le varie specialità che si possono praticare con il windsurf e con diverse tipologie di tavole sono le seguenti:
  • Wave: si tratta di un mix tra surf da onda e windsurf in sè. E’ la specialità più spettacolare: salti ed evoluzioni totalmente fuori dall’acqua o facendosi trasportare dall’onda
  • Freestyle: anche in questa specialità non mancano le evoluzioni, piuttosto complesse. A differenza del Wave, manca l’aspetto del surfare l’onda
  • Formula: è una specialità praticata con tavole dalle precise limitazioni su di un vero e proprio percorso di regata simile a quello delle barche a vela tradizionali
  • Speed: come dice il nome stesso, velocità. Le tavole particolari usate per questa disciplina possono arrivare a correre sull’acqua a 45 nodi!
  • Slalom: percorso “a otto” tra due boe in cui bisogna arrivare prima degli avversari
  • Supercross: stesso principio dello Slalom con la differenza che tra le due boe bisogna compiere delle manovre da Freestyle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>