Azimut 53, flying bridge luminoso

di Ottavio 3


L’Azimut 53 è un Flying Bridge grande e luminoso, dalle prestazioni eccezionali, progettato dalla coppia Stefano Righini e Carlo Galeazzi.

L’Azimut 53, infatti, è un elegante yacht, di oltre 16 metri, con interni moderni e raffinati, contraddistinti da un mix di pelle, legno e tessuto.

La soluzione abitabile consente di ospitare cinque o sei persone, che riescono a convivere serenamente all’interno di una spazio di 16 x 5 metri, trovando un mix di convivialità e privacy, nonché avventura, anche per crociere di un certo impegno. L’imbarcazione si articola su tre ponti, ed essendo un fly-bridge, consente di vivere pienamente la stagione estiva all’aria aperta.

La plancia di comando ed il pozzetto sono abbassabili, per cui permettono di avere un rapporto diretto col mare. Gli interni, invece, sono costituiti da una costruzione tipica del cantiere, che propone le finestrature a “pinna di squalo”, che permettono un corretto irraggiamento della luce solare.

Le nuove tecniche di realizzazione dello scafo vedono delle resine infuse sui tessuti e paratie portanti che hanno alleggerito la struttura, creando, al tempo stesso, degli elementi di irrigidimento e solidità. La carena a V è planante, e somigliante a quella del Grande Sarnico, con scafo in PVC e paratie realizzate in sandwich, infuse assieme allo scafo.

La coperta è realizzata in resine e teak. Nel pozzetto si trova un divano a C, sotto cui è posizionato un capiente gavone che ospita anche il frigo.

Il posto di pilotaggio, tra le molte dotazioni, possiede anche un utile joystick di manovra, che comanda l’intera barca come fosse un giocattolo, specie in ormeggio, grazie anche all’elica di prua. L’Azimut 53 ha una velocità massima superiore ai 31 nodi. Prezzo: 1.050.000 di euro, iva esclusa.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>