Ultime novità dalla Federazione internazionale della vela

di Alba D'Alberto Commenta

Le classi olimpiche e gli eventi legati alle classi olimpiche presentano delle novità. Qualcosa trapela dopo l’archiviazione dell’ISAF Mid-Year Meeting di Southampton.

Ci sono delle novità anche se l’ufficialità delle notizie non è ancora confermata. Per prima cosa si parla dell’ISAF World Cup che dovrebbe tenersi ad Abu Dhabi tra il 26 e il 30 novembre. Questo gran finale vedrà in gara e in acqua i 20 atleti migliori di ogni classe.

Abu Dhabi ha una grossa responsabilità nell’organizzare questa finale perché dovrà pensare non solo ai premi in denaro ma anche all’acquisto delle barche con cui effettuare la competizione e alle facilitazioni per gli equipaggiamenti già presenti. L’obiettivo è fare in modo che l’evento si ripeta ad Abu Dhabi per i prossimi quattro anni.

A livello organizzativo le difficoltà che incontrerà Abu Dhabi sono le stesse che sta incontrando il management dei Mondiali di Santander, dove le difficoltà maggiori sono di natura economica. Adesso qualcosa dovrebbe cambiare con l’appoggio dichiarato della banca di Santander e di Telefonica, il colosso spagnolo delle telecomunicazioni. Potrebbe intervenire in questo contesto anche l’ISAF con un gruppo di lavoro a supporto dell’organizzazione.

transat jacques vabre mod70

Intanto, adesso che si comincia a parlare con insistenza dei mondiali di calcio in Brasile, si torna a parlare anche del Test Event che si terrà a Rio de Janeiro dal 2 al 9 agosto e che, ad oggi, vede già 45 iscritti. I problemi economici, in questo caso specifico, dovrebbero essere stati superati dopo la notizia del finanziamento da parte del governo brasiliano. I ritardi accumulati nell’organizzazione saranno certamente colmati prima dei Giochi di Rio de Janeiro nel 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>